Diario Live

Turchia - Super Lig 03/04 17:00 28 Alanyaspor vs Trabzonspor - View
Turchia - Super Lig 03/09 16:00 29 Trabzonspor vs Fatih Karagumruk - View
Turchia - Super Lig 03/17 17:30 30 Trabzonspor vs Fenerbahce - View
Turchia - Super Lig 04/03 15:00 31 Konyaspor vs Trabzonspor - View
Turchia - Super Lig 04/07 15:00 32 Trabzonspor vs Sivasspor - View
Turchia - Super Lig 04/14 15:00 33 Kayserispor vs Trabzonspor - View

Risultati

Coppa di Turchia 02/28 14:30 3 Trabzonspor v Istanbul Basaksehir W 1-0
Turchia - Super Lig 02/25 13:00 27 [3] Trabzonspor v Adana Demirspor [12] W 1-0
Turchia - Super Lig 02/18 13:00 26 [18] Pendikspor v Trabzonspor [3] W 0-2
Turchia - Super Lig 02/12 14:00 25 [5] Trabzonspor v Hatayspor [12] W 2-0
Coppa di Turchia 02/08 14:30 4 Genclerbirligi v Trabzonspor W 1-2
Turchia - Super Lig 02/04 16:00 24 [4] Besiktas v Trabzonspor [3] L 2-0
Turchia - Super Lig 01/29 17:00 23 [3] Trabzonspor v Kasimpasa [9] L 2-3
Turchia - Super Lig 01/25 17:00 22 [6] Caykur Rizespor v Trabzonspor [3] L 1-0
Turchia - Super Lig 01/21 16:00 21 [3] Trabzonspor v Galatasaray SK [2] L 1-5
Coppa di Turchia 01/18 16:00 11 Trabzonspor v Manisa FK W 3-1
Turchia - Super Lig 01/14 13:00 20 [8] Antalyaspor v Trabzonspor [3] D 1-1
Turchia - Super Lig 01/11 17:00 16 [3] Trabzonspor v Samsunspor [17] W 2-1

Stat.

 TotalIn casaFuori casa
Partite disputate 51 23 28
Wins 24 14 10
Draws 8 2 6
Losses 19 7 12
Goals for 96 46 50
Goals against 74 30 44
Clean sheets 13 7 6
Failed to score 9 2 7

Wikipedia - Trabzonspor Kulübü

Il Trabzonspor Kulübü, meglio noto come Trabzonspor, è una società polisportiva turca con sede nella città di Trebisonda.

Nato nel 1967 come una polisportiva, il club è noto soprattutto per la propria sezione calcistica, che si è aggiudicata sette campionati turchi, nove Coppe di Turchia, dieci Supercoppe di Turchia e cinque Coppe del Cancelliere. Insieme a Galatasaray, Fenerbahçe e Beşiktaş è una delle squadre più titolate del calcio turco. Può inoltre vantare di essere stato il primo club al di fuori delle tre grandi di Istanbul a vincere il titolo nazionale, nel 1975-1976.

Lo stemma riprende la T di Trebisonda e la S di "Spor" stilizzate. Il club è membro dell'ECA, associazione nata dallo scioglimento del G-14 per tutelare gli interessi degli stessi club e dei giocatori. I tifosi del Trabzonspor sono gemellati con quelli del Şanlıurfaspor e del Drogheda Utd.

History

Esordi (1923-1962)

A Trebisonda esistevano quattro club: İdmanocağı (fondato nel 1921), İdmangücü (1913), Necmiati (1923) e Trabzon Lisesi. Le quattro squadre giocavano nel campionato regionale dilettanti di Trebisonda, un torneo a carattere regionale. Nel 1923 due di questi club, l'İdmanocağı e l'İdmangücü, erano divisi da un'acerrima rivalità, paragonabile a quella che sussiste tra Fenerbahçe e Galatasaray. La contrapposizione raggiunse il suo apice dopo il 1930. L'İdmanocağı vinse cinque titoli di Trebisonda di fila dal 1929 al 1933, ma l'İdmangücü fece di meglio, aggiudicandosi sette titoli consecutivamente dal 1934 al 1940. Il campionato fu poi dominato per sei anni dal Lise, prima del ritorno in auge dell'İdmangücü, vincitore del titolo nel 1947-1948. All'epoca sorsero a Trebisonda altri club quali il Doğan Gençlik, l'Akçaabat Sebatspor, il Sürmene Gençlik, lo Zafer Gençlik, lo Yolspor e lo Yalıspor.

La rivalità tra İdmanocağı e İdmangücü spaccò in due i trebisondesi. Il primo club scelse il rosso e il giallo come colori sociali, il secondo il verde e il bianco. La separazione, tuttavia, esacerbava il clima tra tifosi e giocatori, che spesso preferivano trasferirsi ad Ankara e Istanbul per sfuggire alla pressione. Tra questi si ricordano Hasan Polat e Ali Polat (che passarono al Gençlerbirliği), Selim Satıroğlu e Ahmet Karlıklı (trasferitisi al Galatasaray), Zekeriya Bali (al Fenerbahçe) e Nazmi Bilge (al Beşiktaş).

La rivalità cittadina e la fusione (1962-1973)

All'inizio della stagione 1962-1963 il presidente della federcalcio turca (TFF) Orhan Şeref Apak chiese alle varie città di fondere le proprie squadre di calcio in un unico club, al fine di avere una squadra per città e di formare la Milli Lig, oggi Süper Lig. La contrapposizione tra İdmanocağı e İdmangücü era, però, talmente forte che la città di Trebisonda non riuscì a formare una sola squadra, rimanendo dunque tagliata fuori dal campionato di massima serie. Le cronache narrano di settimane febbrili fatte di incontri continui tra le due dirigenze al fine di giungere ad un accordo, ma senza esito.

Furono İdmanocağı, Martıspor e Yıldızspor a fondersi il 21 giugno 1966. La compagine che ne risultò si iscrisse alla 2. Lig, all'epoca la seconda divisione nazionale, e iniziò a giocare in tenuta giallorossa. Nel 1966-1967 la squadra ottenne l'ottavo posto in campionato e il secondo posto nella Başbakanlık Kupası. Un mese dopo İdmangücü, Karadenizgücü, Martıspor e Yolspor si fusero a formare il Trabonzspor, scegliendo il rosso e il bianco come colori sociali.

L'İdmanocağı si oppose alla fusione e intraprese un'azione legale nei confronti del Trabzonspor. Ulvi Yenal, capo del dipartimento per l'educazione fisica, decise che né l'İdmanocağı né l'İdmangücü sarebbero state ammesse alla 2. Lig, avvertendo che se le due squadre non si fossero fuse la città di Trebisonda non avrebbe avuto una propria rappresentante nel campionato professionistico. İdmanocağı e İdmangücü si convinsero dunque a fondersi e insieme con Karadenizgücü e Martıspor fondarono ufficialmente il Trabzonspor il 2 agosto 1967.

A questo punto gli scogli maggiori sembravano superati, ma la questione dei colori sociali continuò a dividere le parti in causa. Il club giunse con travaglio alla scelta del cromatismo ufficiale, dopo cinque incontri tra tifosi e dirigenze. All'inizio fu proposto di indossare tutti i colori sociali che le squadre fondatrici vestivano (giallorosso e biancoverde), ma quest'idea, poco praticabile, fu subito accantonata. Fu quindi proposto di condurre un sondaggio tra i tifosi, ma anche questa possibilità fu esclusa. I tifosi e le dirigenze iniziavano ormai a perdere la pazienza quando il direttore generale della TFF Ulvi Yenal propose una soluzione di compromesso: entrambi i club, İdmanocağı e İdmangücü, avrebbero scelto un colore diverso da quelli del proprio club. Fu allora che furono scelti il bordeaux e il celeste.

L'era Özyazıcı-Sümer (1973-1984)

Nel 1973 assunse la guida tecnica della squadra Ahmet Suat Özyazıcı, ex calciatore dell'İdmanocağı. La squadra languiva nella 2. Lig, ma il nuovo tecnico condusse i suoi alla promozione nella 1. Lig al primo anno in carica. Ottenuta la salvezza grazie al nono posto in massima serie, la compagine di Trebisonda riuscì a vincere il campionato nel 1975-1976, divenendo la prima squadra non originaria di Istanbul ad aggiudicarsi il titolo turco.

Sotto la guida di Özyazıcı, il Trabzonspor visse un periodo di egemonia. Rivinse il campionato nel 1976-1977, annata in cui fu ottenuto anche lo storico double con la vittoria della Coppa di Turchia e il treble nazionale con la conquista della Supercoppa di Turchia (la prima di quattro consecutive). Dopo un secondo posto e un altro successo in Coppa di Turchia nel 1977-1978, Özyazıcı fu sostituito da Özkan Sümer, che nel 1978-1979 vinse campionato e coppa nazionale, per poi lasciare il posto al rientrante Özyazıcı, nuovamente vincitore del titolo nel 1979-1980. I due continuarono ad avvicendarsi negli anni a venire, vincendo altri titoli e altre coppe e supercoppe nazionali. L'ultimo titolo turco fu vinto nel 1983-1984.

Le gestioni dei due allenatori portarono in totale al Trabzonspor ben 17 trofei nazionali, di cui 3 Coppe di Turchia (tutte con Özyazıcı), 6 Supercoppe di Turchia (4 con Özyazıcı e 2 con Sümer) e 2 Başbakanlık Kupası (entrambe con Özyazıcı). Nel secondo turno della Coppa dei Campioni 1976-1977 il Trabzonspor sconfisse all'andata i campioni d'Inghilterra del Liverpool per 1-0, per poi capitolare per 3-0 ad Anfield al ritorno.

Dopo l'era di successi (1984-oggi)

Dopo la partenza di Özyazıcı, il Trabzonspor faticò a mantenere il ritmo dei successi. Bisognò attendere la stagione 1991-1992 per rivedere la squadra sollevare un trofeo, la Coppa di Turchia. Malgrado la compagine trebisondese non abbia più vinto il titolo nazionale dal 1984, è spesso riuscita a mantenersi competitiva ad alti livelli, concludendo varie volte al terzo o al secondo posto il campionato.

Nel 2003 la società fondò una rivista mensile dedicata completamente alla polisportiva Trabzonspor, Trabzonspor Dergisi. Nella stagione 2003-2004 ottenne il miglior piazzamento degli anni 2000, il secondo posto alle spalle del Fenerbahçe, distante quattro punti. Protagonisti dell'annata, coronata dalla vittoria della Coppa di Turchia (la seconda consecutiva), furono Gökdeniz Karadeniz (14 reti) e Fatih Tekke (11 reti). Ammessa alla UEFA Champions League per la prima volta dopo il successo del 1984, nell'edizione 2004-2005 del torneo la squadra eliminò i lettoni dello Skonto (4-1 tra andata e ritorno), ma fu eliminata dalla Dinamo Kiev malgrado la vittoria per 1-2 ottenuta in terra ucraina all'andata, a causa della sconfitta per 0-2 subita in casa nel ritorno. Retrocesso in Coppa UEFA, il Trabzonspor uscì contro l'Athletic Bilbao, pur avendo vinto in casa all'andata per 3-2 (fatale la sconfitta per 2-0 in trasferta al ritorno). Concluse il campionato 2004-2005 al secondo posto dietro il Galatasaray, con Karadeniz e Tekke autori di molti gol (Tekke ben 31 in stagione).

Nella UEFA Champions League 2005-2006 la squadra uscì contro i ciprioti dell'Anorthōsis.

Nella Süper Lig 2010-2011 il Trabzonspor sfiorò la vittoria del titolo, chiudendo a pari punti con la capolista Fenerbahçe e soccombendo per una peggiore differenza reti.

Nell'agosto 2011 il Trabzonspor, eliminato al terzo turno preliminare di UEFA Champions League dai portoghesi del Benfica, fu ripescato nella fase a gironi per la squalifica del Fenerbahçe (indagato per un caso di scommesse relative al campionato turco 2010-2011). Il 14 settembre 2011, alla prima giornata del girone B, il club colse una seconda storica vittoria per 0-1 contro l'Inter al Meazza.

Fu eliminato ai sedicesimi di finale dell'Europa League 2014-2015 dal Napoli, che vinse per 0-4 in Turchia e per 1-0 in casa al San Paolo.

Nel 2015 la squadra si trasferì al nuovo stadio Şenol Güneş, che sostituì lo stadio Hüseyin Avni Aker.

Nel giugno 2020 la squadra fu esclusa per le due stagioni successive dalle competizioni UEFA per club per violazione del fair play finanziario, pur chiudendo la Süper Lig 2019-2020 al secondo posto e la Coppa di Turchia con la prima vittoria dopo dieci anni, ottenuta sconfiggendo in finale l'Alanyaspor.

Nel 2021-2022 il Trabzonspor è tornato a vincere la Süper Lig, con tre turni di anticipo sulla fine del campionato e a distanza di trentotto anni dall'ultimo successo nel torneo.

Il Trabzonspor Kulübü, noto come Trabzonspor, è una società calcistica turca con sede a Trebisonda. Milita nella Süper Lig, la massima divisione del campionato turco di calcio.

Il club è stato fondato il 2 agosto 1967 dalla fusione di tre squadre locali: il Trabzon İdman Ocağı, il Trabzon Lisesi e il Trabzon Gençlerbirliği. Il Trabzonspor ha vinto sette volte il campionato turco, otto volte la Coppa di Turchia e nove volte la Supercoppa di Turchia.

I suoi colori sociali sono il bordeaux e il blu. Lo stadio in cui gioca le partite casalinghe è lo stadio Şenol Güneş, che ha una capacità di 40.782 posti a sedere.

Il Trabzonspor è una delle squadre di calcio più titolate e popolari della Turchia. Ha una forte rivalità con il Fenerbahçe, il Galatasaray e il Beşiktaş.

Ecco alcuni dei giocatori più famosi che hanno giocato nel Trabzonspor:

* Hami Mandıralı
* Şenol Güneş
* Orhan Çıkırıkçı
* Ali Kemal Denizci
* Necmi Perekli
* İbrahim Hacıoğlu
* Hasan Şengün
* Hüseyin Mevlüt
* Tolunay Kafkas
* Ümit Davala
* İlhan Mansız
* Fatih Tekke
* Burak Yılmaz